Il back to school sembra gia’ un ricordo lontano eppure la scuola e’ iniziata da soltanto un mese ma ci si sente gia’ nel pieno del vortice… non trovate?

Tutto e’ ricominciato a pieno ritmo: scuola, lavoro, casa, attivita’ sportive pomeridiane, corso di musica, corso di inglese, corso di spagnolo, catechismo e a volte si ha la sensazione che tutto debba esser fatto e che non si possa rinunciare a nulla!

Altro che back to school… io direi back to everything!

Comunque ne vale la pena fino a quando tutto e’ fatto con piacere, soddisfazione e serenita’… soprattutto serenita’!

In America il back to school era molto piu’ soft!

Lo sapete, non amo fare i paragoni, siamo due Paesi totalmente differenti, con una cultura che difficilmente trova punti in comuni. Lo chiamerei piuttosto un parallelo che, dopo aver vissuto li’ e dopo aver visto da mamma come si gestiscono situazioni comuni, come scuola, sports etc. viene quasi naturale creare un parallelo.

Il primo giorno di scuola era tranquillo e superorganizzatissimo come tutto il resto dei giorni dell’anno scolastico.

Era bello ritrovarsi alla fermata dello school bus (che era fuori la porta di casa nostra), ritrovarsi con gli stessi bimbi del vicinato con cui, fino al pomeriggio precedente, si gironzolava in bici nel residence, vedere se c’era qualche bimbo nuovo, appena trasferito.

Il numero del bus era sempre lo stesso, l’autista anche, silenzio, tranquillita’, rispetto, puntualita’… parole d’ordine del loro vivere.

Le uniche due ad abbracciare calorosamente l’autista, una signora sotto la cinquantina dolce ed autorevole allo stesso tempo, erano Giulia e Nicole: non ci si abbraccia tanto li’.

Arrivati a scuola, Preside ed un esercito di collaboratrici super sorridenti ed entusiaste accoglievano i bimbi e aiutavano i “nuovi arrivati” che iniziavano il percorso delle elementari, a raggiungere le classi.

Ovviamente una settimana prima c’era stato l’Open Day, in cui famiglie e bimbi avevano gia’ avuto modo di  vedere la classe e conoscere le insegnanti.

Atmosfera di festa, tanti sorrisi, tante regole e la consapevolezza che, si stava per iniziare un anno nuovo ma che, se ci si comportava bene e si lavorava, ci si divertiva anche tanto!

Ore 15.30, le bimbe rientravano: il back to school era andato bene e la routine era ormai iniziata.

Siete curiosi di vedere cosa vi ho appena descritto?

Allora vi lascio il video/post che ho scritto per le mie care amiche Mammapoppins, in cui vi mostro un collage di momenti del primo giorno di scuola in America.

Buon anno scolastico a tutti voi, genitori e bimbi!

Back to school made in USA

Commenta